vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Vignone appartiene a: Regione Piemonte - Provincia del Verbano Cusio Ossola

Storia

Il Comune di Vignone si trova nella zona collinare alle spalle di Verbania Intra lungo le pendici del Monte Cimolo, in bella posizione soleggiata e con ampia vista sul Lago Maggiore; fa parte della Comunità Montana Valgrande e il suo territorio si estende con ampi boschi lungo il versante sinistro della valle Intrasca. L'altitudine media si aggira sui 500 m.s.l.m. Si raggiunge da Verbania Intra mediante la Strada provinciale Intra-Premeno.

Il nome (come testimoniano anche il suo stemma e la presenza di un'antica base di torchio presso il Municipio) deriva dalla vastità dei vigneti che occupavano buona parte della sue campagne, ora dismessi.
La presenza fin dai tempi antichi dell'uomo è documentata da una incisione rupestre antropomorfa su una pietra riutilizzata per una casa vignonese, dalla presenza di massi coppellati in località Crana, Casa dei Muli e Belvedere di Bureglio, nonchè di vari ritrovamenti di sepolture celtiche in zona Bienna e di reperti di epoca romana in località Motto di Crana.

Di particolare pregio il complesso monumentale di San Martino (secc. XVI-XIX), composto dalla Parrocchiale, dall'Ossario affrescato, dalla Casa Parrocchiale e dal Cimitero, contornante la chiesa detta La Rotonda, a pianta circolare, vera rarità a livello europeo. La Chiesa di San Martino fu per secoli fulcro dell'omonima degagna (ripartizione ecclesiastica ma anche amministrativa) a cui facevano capo i paesi del versante sinistro della Valle Intrasca, fino ad Aurano e Scareno, e i nuclei abitati del monte Cimolo.
I paesi di Vignone e Bureglio sono dotati di Oratori Sette-ottocenteschi e conservano ancora alcuni scorci caratteristici con le classiche tipologie di architettura spontanea.

Il territorio è segnato da numerosi sentieri e mulattiere adatti per piacevoli passeggiate, escursionismo e in buona parte per percorsi di mountain-bike; i percorsi storici, disseminati da numerose cappellette ed edifici votivi, sono costituiti da un asse principale che faceva parte dell'itinerario che dal lago e Intra saliva fino a San Martino e proseguiva oltre Bureglio per addentrarsi in valle Intrasca, fino ad oltrepassare lo Zeda e raggiungere la Svizzera; percorso di scambio fra merci di pianura e merci di montagna. Nel territorio vignonese si contavano ben due stazioni di posta, una alla Bardassina e uno alla Casa dei Muli.

Il comune è dotato di due campi di calcio, uno comunale a Vignone e uno parrocchiale a San Martino; un campo da tennis sempre a San Martino, un'area attrezzata per feste e pic-nic in Pianezza di Bureglio, una piscina estiva presso il Ristorante Monte Cimolo, un edificio comunale adibito a sede di associazioni locali e per mostre.